sabato 26 marzo 2011

Provo a semplificare per Vostro Onore

 
 

Inviato da buzzico54 tramite Google Reader:

 
 

tramite manteblog di massimo mantellini il 23/03/11

I motori di ricerca non sono umani. Sono come i tasti e il display di una calcolatrice, producono risultati basati su uno schema predefinito. E quindi non sono etici in nessun modo. Da quel poco che si capisce la condanna odierna di Yahoo, colpevole secondo un giudice romano di aver linkato siti web dediti alla pirateria cinematografica, non sarebbe tanto quella di aver prodotto simili suggerimenti, ma di non aver provveduto ad eliminarli una volta che il loro contenuto era stato segnalato dai detentori dei diritti. Ora – se le cose stanno in questi termini – ci vorrebbe uno bravo per spiegare al signor giudice che se il motore di ricerca diventa un normale produttore di contenuti editoriali (chiamati per l'occasione link) e deve esercitare una qualche giurisdizione illuminata su milioni di risultati continuamente aggiornati, il motore di ricerca muore. E dentro una simile miopia ci perdiamo tutti, io, lui, l'altro e Vostro Onore compreso. Mentre il pirata, bello bello, da tutt'altra parte, resta.


 
 

Operazioni consentite da qui:

 
 

Nessun commento: