lunedì 3 gennaio 2011

Quale modello di sviluppo con la crescita di traffico ?

Luigi Gambardella vicepresidente per le relazioni con le istituzioni europee e le
organizzazioni internazionali di Telecom Italia, e' il nuovo
presidente dell'executive board di ETNO, l'associazione che
raggruppa 41 aziende di tlc di 35 Paesi europei.
  ''Come mantenere la sostenibilita' dell'attuale modello
economico di internet a fronte della crescita del traffico,
determinata in primo luogo dalle applicazioni video, e come
affrontare i massicci investimenti sulla rete necessari per
raggiungere gli obiettivi dell'Agenda Digitale Europea sono le
due grandi tematiche politiche e regolamentari  che saranno al
centro dell'attivita' di ETNO per il 2011'', afferma
Gambardella, per il quale ''se non verranno apportati
cambiamenti all'attuale modello, vi e' il rischio reale che la
crescita del traffico possa avere un impatto sull'intera catena
del valore, a danno di tutti gli attori del mercato di internet
e della crescita e dell'innovazione dell'Unione europea. Se non
otterremo un migliore allineamento tra il volume del traffico ed
i ricavi, e' probabile che il livello degli investimenti sulla
rete necessari nei prossimi cinque anni per affrontare la
crescita del traffico prevista divenga insufficiente, sia per le
reti fisse che per quelle mobili''.
  ''Tutti gli attori del mercato - aggiunge Gambardella -
devono trovare un nuovo equilibrio a beneficio dell'intero
ecosistema di internet, mantenendolo aperto ed interoperabile. I
policy maker dovrebbero sostenere le iniziative commerciali che
contribuiscano agli investimenti, all'innovazione e ad un uso di
Internet che possa beneficiare tutti. ETNO - conclude -
ribadisce la necessita' di aumentare ulteriormente gli
investimenti nella banda larga ad alta velocita' su tutto il
territorio dell'Unione europea, a beneficio dei cittadini e di
tutti gli attori della catena del valore di internet''