giovedì 5 novembre 2009

Un paese e un governo a banda stretta

Un Ministro che pormette i 2 mg a tutti i cittadini (brunetta) , un altro che pala cnora di piani regionali per la banda larga al 2012 (Romani) e finalmente il sottsegretario alal presidenza del consiglio Letta , che assicura che i soldi per il piano della banda larga non ci sono
L'opposizone tuonerà..piuttosto brontolerà a 56 K .....Tutti preferiscono progetti cortotermisti, piuttosto che affronatare il vero dopo crisi. Quello che sarà condizionato da scelte selettive , che redistribuiranno le carte della competitività tra paesi. Di questa competitività fa parte l'ambiante business friendly e dunque internet friendly e broad band friendly.
Il settore più avanzato , e competitivo finora , quello delle telcos ,sta conoscendo quello che chiamerei il più grave paradosso del nostro futuro : ha garantito valore aggiunto, innovazione, crescita e vantaggi per i consumatori , ma viene ancora "regolato" secondo regole asimmetriche. Prprio a casua delle innovazioni introdotte dalle nuove tecnologie : aumentano i clienti, i dati sacambiati , diminuiscono i costi diproduzione , distribuzione e promozione dei prodotti-servizi, col risultato che i revenues diminuiscono mentre aumentano i bit di traffico. Una convargenza crescente : quella di device , contenuti , piattaforme e utenti , crea due divergenze : spezzettamento normativo regolatorio e divaricazione dei ricavi sul mezzo (rete o device) .
In questa circostanza risulta curioso
a) che soprattutto in Italia le misure di sostegno alla economia non riguardino affatto l'innovazione e le tlc
b) che la conclamata necessità di larga banda sia disattesa da Stato (per ovvie ragioni) e dagli operatori, cui o stato continua solo ad imporre regole burocratiche , senza negoziare vantaggi
d) che gli operatori continuino a lavorare , con scarsissimi risultati , rivolti solo alla ricerca di un differenziale regolatorio favorevole , di un supporto pubblico di una "toppa finanziaria" attraverso una riorganizzazione delle compagini societarie.
e) nessuno in Italia stia investendo

Nessun commento: