lunedì 27 aprile 2009

Ancora sulla serata della scesa in campo di D'alema


Nel corso della divertentissima festa del "sogno dei 60 anni di d'alema" , ha fatto notizia il suo discorso finale.Rispondendo alle acute osservazioni dell 85 enne Macaluso ha sottolineato a prpoposit do giudizio su una generazione : che questa è stata una delle migliori avendo portato la sinistra al governo.
Ha poi sottolineato ricordando la sua storia "che il processo di cooptazione rimane un sistema che ha dato i suoi frutti e ricordato la descrizione che di tale processo faceva Aldo Tortorella :"un pvocesso secondo cui quelli che hanno il poteve, ogni tanto chiamano uno , in generve più cvetino a fav pavte del consesso: Questo avviene fino a quando sono tutti vicoglioniti , diceva Tortorella, e per sbaglio ne scelgono uno buono" mentre è chiaro che ruolo gocasse il Maximo all'epoca della scelta di farlo divenire segretario della FGCI, non è chiaro a che fase ci si trovi trent'anni dopo !
D'alema ha detto pure che "pur avendo preso tutti strade assai diverse se siamo tutti qui è perchè apparteniamo alla stessa Koinè (di quelli che capiscono il greco) e dunque che bisogna dare battaglia (nel PD) nell'interesse del paese dove prevale una leadership debole e autoritaria....Quanto alla battaglia tutti hanno pensato che si riferisse al congresso del PD.
Allora per Bersani ? Contro Franceschini ? Per fare un PD socialdemocratico , che recupera Vendola , che poi reincontri nel Neo-ulivo Letta e Casini, ovviamente per candidare quest'ultimo ? Parrebbe di sì con poche possibili varianti e con una generale soddisfazione dei presenti di sinistra riformisti e non. Non so io non ho mai capito di politica...capiranno gli italiani ! Ciò avverrà in tempo per le prossime elezioni del 2013 quando anche Bersani avrà 62 anni e Casini per fortuna non ancora..

2 commenti:

Anonimo ha detto...

prova

Anonimo ha detto...

massimo,
io ne capisco ancora meno, ma secondo me se il progetto di Bersani è quello che tu hai descritto...riedizione dell'Ulivo, recupero di Vendola, con Casini nel ruolo che ha ricoperto la Margherita negli anni scorsi...mi sembra un film già visto.
La mia impressione è che con Vendola si possa vincere (forse), ma non sono sicuro che si possa governare. Energia,politica estera, immigrazione sono tutti temi sui quali le posizioni sono agli antipodi.
Bersani, secondo me, dovrebbe togliere voti a Vendola (e a Casini) portare il maggior numero di elettori sulle proprie posizioni, non mettersi ad inseguire l'elettorato o ad accettare alleanze che lo mettono sotto ricatto.

Luigi