venerdì 13 marzo 2009

New Spoil System : più donne nei cda e meno soldi agli amministratori



Il governo vuol fare un giro di poltrone.Niente di male. Il parlamentare del PDL Cosimo Izzo aveva presentato in tal senso un emendamento (poi respinto) all'interno di un provvedimento su sviluppo ecponmico e semplificazione .... Perchè non approfittare allora e dare un segnale di rinnovamento al paese ? Oltre ai criteri di competenza indubbi bisognerebbe aggiungere almeno due emendamenti "forti" per il rinnovo dei consigli che decadono. L'idea è garantire un vero rinnovamento, un risparmio, ed un segnale di sobrietà ed equità, coerente con la situazione di crisi :
1) Affinchè non vi siano discriminazioni di genere : "garantire che in nessun consiglio in cui la indicazione dei consiglieri spetti al tesoro o ad altri ministeri vi siano meno di un terzo dei componenti di ciascun genere".
2) "Gli emolumenti degli amministratori dovranno essere ridotti del 20% rispetto all'esercizio precedente e dal prossimo essere coerenti con i risultati econmici e finanziari delle società amministrate seccondo criteri resi noti in modo trasparente e comunicati on line".
Per piacere : non rispondete che le donne non hanno bisogno di quote...sarebbe giusto se non fossero regolarmente assenti da tali organi di governance pur avendo centinaia di manager e priofessioniste esperienza,compmetenza e brilanti performances alle spalle questa è una violazione della Costituzione. Non ditemi che riducendo gli emolumenti si slezionano gli amministratori al peggio : semmai si rinnova la "casta" spesso "endogamica e in conflitto di interessi" degli amministratori , assurdità che è stat rilevata dalla stessa authority della concorrenza a proposito sel settore bancario-

Nessun commento: