lunedì 16 febbraio 2009

Banca del DNA : una legge buona da applicare velocemente..

L'implementazione della Banca Dati del DNA è lo strumento più importante contro i crimini violenti

Il database genetico, a differenza di quanto avviene in altri paesi come il Regno Unito, verrà usato esclusivamente per l'analisi dei soli "segmenti non codificati del genoma umano, vale a dire quelli dai quali non siano desumibili informazioni sulle caratteristiche del soggetto analizzato, quali ad esempio le malattie". In ogni caso lo scopo della Banca Dati, ovvero di coadiuvare le attività di indagini, pone limitazioni rilevanti all'utilizzo delle informazioni che conterrà. Questo sistema negli ultimi dieci anni ha consentito nel Regno Unito un incremento vertiginoso delle soluzioni di casi di crimini violenti soprattutto nel caso dei "reincidenti" : ahimè l'80% dei criminali....In particolare è stato decisivo lo strumento della Banca dati del DNA per raggiungere i colpevoli dell'attentato islamico alla metropolitana per assicurare i respoenabili (arrestati in precedenza e poi individuati in poche ore) prima che potessero raggiungere l'aeroporto.

Tra i soggetti a cui sarà effettuato il prelievo vi sono detenuti, persone in stato di fermo (in questo caso solo dopo via libera del magistrato) e i condannati per reati "non colposi". In buona sostanza il prelievo dei campioni di DNA non riguarderà la stragrande maggioranza degli italiani e non farà affatto discriminazioni. Si tratta di capire se, quanto ci vorrà per mettere Polizia e carabinieri in grado di agire ed è , di nuovo una questione di finanziamenti (già adotati) di efficienza e di rapidità nei decreti applicativi...

Nessun commento: