venerdì 16 gennaio 2009

La voce l'economia le europee

Da la voce. Info
"NEWSLETTER - 16 gennaio 2009
La "fuga verso la qualità" degli investitori e il calo dei tassi (con la BCE che torna al minimo storico del 2 per cento) ci permetterà di risparmiare 6 miliardi di interessi sui titoli di stato a partire dal 2009. Ma il ministro del Welfare decide di lasciar scadere la legge delega per la riforma degli ammortizzatori sociali sostenendo che non ci sono risorse. La verità è che sono altre le priorità di questo Governo. Il fatto che non si intravveda ancora la fine del tunnel significa che le sospensioni temporanee dal lavoro di questi mesi sono destinate a tradursi in licenziamenti. I dati economici ci fanno rivivere la recessione del 1992-93. Ma per fortuna questa volta c'è l'euro, che ha compiuto in questi giorni dieci anni. Chissà se nella campagna per le europee ci sarà ancora qualcuno che gli attribuisce tutti i mali del mondo! A proposito di elezioni europee: perché nessun partito avvia le primarie e permette una vera competizione nella scelta dei candidati?"
 Parole semplici e ragionevoli ...o no ?

Nessun commento: