venerdì 2 gennaio 2009

Inchieste sui network e legge di Potenza esempi su facebook



La legge "di " potenza è una regola delle reti o networks a invarianza di scala : i nuovi nodi si collegano a quelli già connessi detti hub. Anche nelle reti sociali vi sono fenomeni di questo genere : ogni attore tende a riferirsi a nodi altamente connessi, senza che questo prefiguri alcuna "gererchia di comando" . E' la regola matematica che spiega i 6 gradi di separazione : il famoso esperimento di Milgram che dimostra che nessuna persona sulla terra è separata da ogni altra da non pù di sei passaggi., link, contatti. Ciò non dice nulla del tipo di relazione , ma molto del funzionamento "fisico" dei network. Nel database degli attori di tutto il mondo Alvaro Vitali ad esempio ha solo due gradi di separzione da Kevin Bacon, Margherita Buy tre !
Veniamo alle legge "a" Potenza, a Napoli a Pescara, alle inchieste di questi i giorni. Come risulta tanto dagli interrogatori quanto dalle ordinananze di rinvio a giudizio : telefonate, incontri, intermediari e loro diramazioni dovrebbero dire più della qualita e del merito. Sui media almeno l'esistenza di una relazione o di un' appalto contigui, la citazione di un rapporto politico, di corrente..i succesivio collegamenti di alcuni nodi e hub ad altri viene definita come "trama" : qualunque nodo riconducibile viene "associato" "iscritto" in un sistema : La verifica delle responsabilità giudiziarie è secondaria. Ma proprio non è detto che le cose stiano così : e i provvedimanti adottati per il parlamentare Margiotta, per d'Alfonso e in passato per lo stssso Loiero stanno lì a dimostrarlo. Di network hanno parlato in tanti anche a proposito dell'ultima "inchiesta delle inchieste" quella di Napoli, una trama con al centro un imprenditore fino a ieri estremamente stimato da quasi tutte le istituzioni con cui ha collaborato. Diversi anni di contatti e telefonate sue e dei suoi collaboratori , dei diversi decison makers e , veri o presunti "influenti" rappresentano un network certamente enorme ; ma chi è responabile di che cosa ? I media hanno già deciso , tranne pochi esempi. Ai magistrati soltanto spetta l'esame di merito. Ma quanto alla stampa ?
Quella che vedete sopra è una immagine dei miei contatti su facebook. Ora gli indagati non hanno un icona su facebook,(c'è un club di Fans di d'afonso su Facebook) ma se anche tra gli amici che accetto , vicini e lontani, ci fosse un pregiudicato o un politico , una persona influente ? Io sono al centro , come figura dal grafo di touchgraph di una trama , di un sistema con lui ? Se fotografate le telfonate di ogni indagine sono come i profili di facebook disegnano un network. Questo fa davvero di una "fotina" con centinaia di link un "centro" ? Eppure più trasparente di così.

Nessun commento: