martedì 23 dicembre 2008

Parlano I dipendenti del gruppo Romeo (ADN KRONOS)

NAPOLI: A ROMEO SOLIDARIETA' DIPENDENTI GRUPPO IN UNA LETTERA APERTA ABBIAMO LAVORATO DURO E MAI PERCEPITO DI ESSERE IN CONTESTO ILLECITO Napoli, 23 dic. (Adnkronos) -
Solidarieta' ad Alfredo Romeo, l'imprenditore napoletano arrestato il 17 dicembre nell'ambito della maxi inchiesta sugli appalti legati all'attivita' della 'Global Service'' arriva dai suoi dipendenti. In una lettera aperta i lavoratori del gruppo partenopeo esprimono ''la speranza di un esito sollecito e positivo della vicenda giudiziaria in corso''. ''Ci auguriamo -si legge- che Romeo e tutte le persone coinvolte possano chiarire al piu' presto e positivamente la propria posizione. In riferimento all'onda mediatica che sta travolgendo, spesso in maniera poco chiara e chiarificatrice, anche le aziende che operano sotto il nome ''Romeo'', ci sorge spontaneo e forte il bisogno di voler raccontare quel che sappiamo e facciamo per difendere la nostra dignita' di lavoratori e per rappresentare con orgoglio il buon nome che in questi anni la aziende del Gruppo, a suon di risultati positivi, si sono conquistate''. ''Abbiamo sempre lavorato duro nel Gruppo -scrivono- non ci e' stato mai chiesto, ne' abbiamo avuto mai la sensazione di lavorare in un contesto illecito, o anche solo scarsamente professionale. Siamo nati nel 1979 ed oggi il Gruppo ha 360 addetti, con un indotto di circa 18.000 unita' lavorative ed un fatturato di 161 milioni di euro. Ha sedi a Napoli, Roma, Milano e Bari. I dipendenti sono un team composito di legali, contabili, progettisti, architetti, ingegneri, informatici e personale tecnico''. ''Che cosa facciamo? Ci occupiamo -spiegano- da 30 anni delle gestioni integrate di servizi legati alle proprieta' immobiliari delle pubbliche amministrazioni e dei privati. Ma vogliamo spiegare con esempi concreti in cosa consiste il nostro lavoro. Per il Comune di Napoli, operiamo nella gestione dell'inventario degli immobili di proprieta' comunale, nella riscossione degli affitti abitativi e commerciali, nella loro manutenzione. Il censimento degli immobili, prima dell'intervento del Gruppo Romeo, era di 1.300 unita'. Oggi ammontano a 56.000 grazie ad un capillare lavoro di emersione di tutte le proprieta'. Gli incassi del Comune sono passati da 1.5 milioni di euro della passata gestione a 44 milioni di euro l'anno. Il valore patrimoniale del Comune e' passato da circa 750 milioni di euro a 3 miliardi di euro. Il costo per l'amministrazione e' di 4 milioni di euro''.
''Lo stesso sistema - riferiscono- e' stato adottato anche a Roma: se prima della gestione del Gruppo Romeo il Campidoglio incassava 18 milioni di euro l'anno, dopo ha raggiunto i 90 milioni di euro. Il costo del servizio e' stato di 3 milioni di euro. A Milano le proporzioni costi/ricavi sono uguali a quelle di Napoli e Roma, ma su un patrimonio amministrato di 12.000 unita'. Sono queste le attivita' che facciamo quotidianamente, con passione e professionalita'. Operiamo anche nei servizi di global service (pochi sanno cosa sia) e facility management, ovvero le attivita' inerenti la manutenzione degli impianti degli immobili, pulizia ed igiene ambientale, i servizi alle persone, con l'obiettivo di garantire la massima efficienza degli uffici a costi contenuti''. ''E sapete quanto lo Stato ha risparmiato in questo modo? Secondo i dati del ministero dell'Economia, in 4 anni di gestione da parte del Gruppo Romeo -sostengono- questa parte della spesa pubblica si e' ridotta del 22 per cento.E questo ci rende orgogliosi e profondamente consci di fornire un servizio altamente specializzato e innovativo. Sul dott. Alfredo Romeo sappiamo quello che vediamo ogni giorno venendo a lavorare: un impegno diretto, quotidiano, sferzante e appassionato. Un datore di lavoro rigoroso ed esigente, al tempo stesso presente ed attivo con i suoi collaboratori e dipendenti. Abbiamo anche visto che gran parte dei profitti realizzati, anche grazie al nostro lavoro, e' stata investita in tecnologie sempre piu' all'avanguardia e negli ultimi tempi in un Hotel di lusso, in una citta' in grave difficolta' strutturale e di immagine, dove, a nostro parere, non molti imprenditori avrebbero rischiato allo stesso modo e questo ci sembra ancora un elemento di coraggio da parte sua. Oggi da tale accanimento mediatico ci sentiamo umiliati e disorientati, ma andiamo avanti con orgoglio e con la professionalita' di sempre per onorare gli impegni assunti ''.

1 commento:

Anonimo ha detto...

cosa dovete dire? vi capisco...