giovedì 4 settembre 2008

''Giovani: scaricate sempre, scaricate tutto' Che alternative ci sono alla pirateria e alla criminalizzazione degli utenti ?


DICHIARAZIONI SCANDALO E REAZIONI SCANDALIZZATE..SAPEVATE CHE IN OLANDA....?

'Scaricate sempre, scaricate tutto. Anzi, fotocopiate pure i libri di testo che costano un sacco di soldi': con queste invito rivolto ai giovani e agli studenti il produttore televisivo Pietro Valsecchi entra senza peli sulla lingua nel dibattito sulla 'retorica dell'antipirateria' intervenendo a Venezia nel salotto in diretta di RAISAT EXTRA, condotto da Italo Moscati. E oggi si scatenano le reazione di Anica, Siae e del Comitato contro la pirateria. Nell'intervista, che seguiva quella del giorno prima, sempre a RAISAT EXTRA, del Presidente della Siae Giorgio Assumma: Valsecchi ha aggiunto: 'Si fanno troppi convegni sulla pirateria, il paese ha altri problemi. La fiction 'I liceali', da noi prodotta, e' stata trasmessa prima da Mediaset Premium, vista, scaricata, trasmessa poi dalla tv generalista e nonostante tutto cio', una volta fatti i dvd, ne abbiamo venduti tantissimi. La pirateria e' un problema molto marginale, basterebbe pagare forse lo 0,50. Ben vengano i ragazzi che scaricano. La cultura va divulgata, e' un bene che vi si possa accedere facilmente'.

Aggiungo io che pochi sanno che la SIAE Olandese ( e presto quella danese e australiana) ha conlcuso un accordo con i Creative Commons per" liberare" dall'incubo dell'obbligo di persecuzione tutti gli autori che volontariemante consentano la diffusione per scopi non commerciali dei loro materiali..restano diritti riservati per usi commerciali, ma è la stessa associazione o società di tutela collettiva dei diritti che da questa possibilità ai suoi associati di sottoscrivere la validità presso i soggetti interessati della licenza creative Commons , di diritti solo parzialmente riservati. Una spinta alla diffusione della cultura che non lede i diritti autoriali e aumenta il nuomero dei fruitori, non spezza "le spalle dei giganti" su cui si costruisce il sapere del futuro . una terza via cerdibvile tra pirateria e persecuzione.

Persino Microsoft nelel sue ultime realease di prodotto ha inserito un automatismo di inserimento del bollino Creative Commns

In Italia persino i supporti multumediali sono gravati dall'equo compenso una tassa sui cd e tutti gli altri supporti fisici che "presume un uso dei dieritti riservati" e che ha prodotto danni assai gravi.

Poichè ritengo quello dei diritti e della diffusione del sapere uno dei temi più importanti..come mai la politica non se ne occupa ???

Nessun commento: