venerdì 29 agosto 2008

Obama l'Occidente e Putin

Speriamo che Obama o chi per lui sappiano imporre un cambio al profilo della politica occidentale.Bush non ha voluto capire e collaborare....ed è responsabile in buone parte della degenerazione della crisi.
Capire di più, ( del mondo) collaborare di più (nel mondo) per diffondere una logica multilaterale , non presuntuosa da parte dei paesi industrializzati di prima generazione.
A me sembra che non si tenga conto che i nuovi attori Russia , Cina e India,Brasile oltre ad alcuni paesi arabi già collaborano tra loro e hanno già cambiato gli equilibri economici globali.E dunque quei leaders storici debbono collocarsi ormai su un altro piano di cooperazione.
La premessa è stato l'abbandono del WTO da parte di India e Cina. Oggi minacciare l'isolamento di Mosca nel WTO che senso ha ? A chi può imporre sanzioni l'europa che dipende per gran parte dalle forniture di gas russo ?
Si riconosce che gli USA hanno responsabilità specifiche in America e nell'Atlantico , come negare le responsabilità Russe tra Asia e Europa. Davvero si è fatto tutto dopo la guerra nei Balcani , affinchè la Russia si sentisse partecipe del nuovo ordine ? La nascita di entità statali come il Kosovo non sono state concertate....la Spagna ad esempio non ha riconsciuto il Kosovo perchè pensa che quella via unilaterale non sia quella giusta.
La logica di una alleanza antirussa aiuterà solamente le tendenze filorusse , a volte revansciste, nei paesi dell'europa centrale e orientale, dall'Ucraina all'Asia; indebolirà e renderà instabili le giovani democrazie post caduta del muro.
Non c'è prova che ritorni di chiusura e sanzioni abbiano mai favorito la evoluzione da autocrazie a democrazie o abbiano aiutato la soluzione di problemi interstatali.Al contrario la crescita di sviluppo economico, la stabilità e la apertura econmica hanno finito per accrescere le possibilità di logice democratiche e di libertà....
Perchè la repressione in Tibet suscita ripulsa e quella georgiana in Ossezia del Sud no ?
Certo l'Europa ha tardato a rendersi conto di quanto fosse dannosa la logica della semplice "estensione della Nato" ....ed è stata debole e confusa e disunita.Oggi è anche indebolita sul piano economico e la casa non è in ordine.
E se la logica Busch si estendesse al mondo ? Dovremmo resuscitare la logica delle Seato ? (la Nato del sud est asiatico sciolta nel 75) e che ne penserebbe la Cina, magari un domani potrebbe aderire che so l'India...?
La Russia di Putin non è quella di Breznev, non lo è per i cittadini russi, nè per i suoi vicini.Ma per certi aspetti conta di più e va presa per quello che èsenza subirla e senza umiliarla . Va portata al dialogo e convinta anche con misure adeguate, ma bisogna avere la casa in ordine (energia) e bisogna combattere il complesso di isolamento e il vittimismo non promuoverlo...
Anche qui il governo Italiano sembre avere un atteggiamento pragmatico e equilibrato che l'opposizione dovrebbe mettere al riparo da svolte sbagliate o scarti improvvisi.

Nessun commento: