lunedì 10 marzo 2008

Zapatero altri quattro anni...la prima vera investitura. !

Vince il bipolarismo e pede il radicalismo delle estreme. Pochi oggi ricordano che la precedente vittoria del PSOE veniva attribuita in gran part e all'impatto emozionale dell'attentato della stazione di Atocha e agli errori del Partito Popolare.Oggi Zapatero migliora quella performance senza quell'impatto. Il partito di Rajoy si è spostato a destra appoggiandosi all'ala estrema della Chiesa, ha rotto l'unità antierrorista ed ha esasperato l'anticatalanismo. Zapatero non ha potuto portare avanti il dialogo con Eta che ha ucciso persino in cmpagna elettorale...e a volte è parso subire l'influsso degli estremismi nazionalisti; per di più il modello spagnolo (certamente consolidato sia con i socialisti che con i popolari) ha cominciato a subire colpi a causa della crisi globale, proprio in campagna elettorale.Il pp non ce la fa con una linea così dura , ma difficilmente potrà ritrarsi.Aver espulso l'area liberal non ha aiutato.Rajoy è alla seconda sconfitta
Due problemi per il PSOE : la forza del PP in alcune comunità importanti richiede un cambiamento locale forte del Psoe,la risposta alla crisi intenazionale.
Qualche considerazione per l'Italia : non è una campagna che si è vinta col marketing politico,la sinistra spagnola partecipa "orgogliosamante" alle operazioni di peacekeeping; ai problemi della sicurezza il PSOE reagisce con nuove carceri e programi di rieducazione; alla crisi del modello fondato sulla edilizia abitativa : il psoe risponde con l'obbiettivo di riequilibrare i posti di lavoro perduti con opere pubblche ed in particolare con l'alta velocità ; ancora investimenti in ricerca e sviluppo.Flessibilità : più contratti a tenpo indeterminato, in cambio più facilità di risoluzione in caso di difficoltà dell'azienda (la proposta Ichino Veltroni in Soagna è già in campo)

Nessun commento: